Sorpresa!

Tutti vorrebbero riceverla, ma cosa ci spinge a farne una? L’amore, l’amicizia, l’odio… Le motivazioni sono varie, anche se io mi soffermerei più sulla messa in atto. C’è chi non riesce a trattenersi e svela poco a poco. Apprezziamo comunque il buon impegno. C’è chi invece, aspetta, e si gode il momento a pieno: vedere lo stupore negli occhi, la gioia in un sorriso, la trepidazione nel corpo. E’ tutto lì il gusto, il gioco. Sono attimi, che però vanno architettati nei minimi particolari. Questo richiede tempo. Allora, quanti sono disposti a farne veramente una? Costa così tanto? Si dice sempre che non si ha mai tempo. Risposta classica: “Ho un sacco d’impegni.” Bella giustificazione! Ma il punto è che se conosci una persona realmente farla non pesa. La stessa cosa non potremmo dirla per chi, invece, hai incontrato da poco nella tua vita. Però c’è qualcosa che ti da impulso. Esce spontanea. Ecco che i pensieri non si fermano. Sarà pronta a riceverla? Capirà il perché e l’apprezzerà veramente? Non sono un’indovina. La mia unica certezza è che regalare un’emozione non è poco…

Premio Blog “100% affidabile”

Cari blogger,

sono molto entusiasta per la mia nomination al Premio Blog “100% affidabile”… E’ da poco che scrivo, ma ho trovato veramente tante persone che, nei momenti difficili, mi sono state vicine, anche più degli stessi amici. Ho iniziato, avendo poca stima di me, e di quello che soprattutto scrivevo. A poco, a poco, è diventata un’esigenza, e ora non posso farne a meno.

Voglio ringraziare pubblicamente colui che mi ha nominata JohnD Scripts, perché mi ha dato un’enorme gioia inaspettata. La stima è reciproca. Penso che, ognuno, a proprio modo, esprimere “pezzi” della propria vita e tu lo fai con una disinvoltura, onestà, trasparenza, affidabilità… 😉

Il Blog Affidabile

Ecco le regole del gioco…

  • Come si distingue un Blog Affidabile? Per alcuni semplici ma importanti regole:

1) E’ aggiornato regolarmente
2) Mostra la passione autentica del blogger per l’argomento di cui scrive
3) Favorisce la condivisione e la partecipazione attiva dei lettori
4) Offre contenuti ed informazioni utili e originali
5) Non é infarcito di troppa pubblicità

Cosa deve fare chi riceve il Premio ?

Ecco come procedere:

A) Se ricevi il premio, scrivi un post sul tuo blog ringraziando il sito/blog che ti ha nominato con un link ed inserisci dove preferisci sul tuo sito/blog il distintivo de “Il Blog Affidabile” che trovi in questa pagina. Spiega inoltre brevemente quando e perché hai deciso di aprire il tuo blog.

B) Nello stesso post segnala altri 5 siti/blog che a tuo giudizio sono meritevoli di menzione. Ricordarti di far precedere l’elenco dei blog che hai scelto da questa dichiarazione solenne:
“Dichiaro che i blog seguenti da me scelti rispettano le 5 regole del Premio “Il Blog Affidabile” disponibili a questa pagina http://www.gliaffidabili.it/a/altro/il-premio-il-blog-affidabile . Sono pertanto una risorsa utile per gli utenti della Rete e meritevoli di essere conosciuti da un pubblico più ampio”.
Se conosci più di 5 blog meritevoli di ricevere il distintivo del blog affidabile consigliaceli e li terremo in considerazione per il premio.

C) Fai sapere ai blog/siti che hai scelto che sono stati premiati inviando loro un link a questa pagina se vogliono saperne di più sul Premio e sul suo funzionamento.

Cominciamo con le nomination:

http://esteticanaif.wordpress.com/

Non potevo non nominarti, visto che sei stato il mio mentore, senza di te non avrei mai pubblicato nulla. Adoro il tuo modo di scrivere, sei naif, raffinato, vero…

http://orsochiacchierone.wordpress.com/

Sei stato uno dei miei primi fan, sei divertente, e ogni tanto te ne vai in letargo, ma quando ti svegli… Sei proprio un chiacchierone!

http://latriquetra.wordpress.com/

Che dire… Il tuo blog è ricco di citazioni, consigli per mostre, spettacoli, tuoi pensieri e riflessioni che condivido a pieno!

http://statomentale.wordpress.com/

Un altro gatto che si aggira per i blog, leggiadro, scaltro… Le tue poesie sono essenziali, ma arrivano al cuore…

http://granellidipolvere.wordpress.com/

Sei un’esplosione di emozioni… Sei una che vive a pieno la vita, leggera come dei granelli di polvere…

Grazie a tutti! Buona lettura…

Il gioco delle apparizioni e sparizioni

Il gioco delle apparizioni e sparizioni non è mai stato il mio forte. Giugno ne è stato altrettanto ricco ma sono sempre più convinta che una persona o c’è o non c’è. Non si può cantarsela e suonartela una sera, e poi il giorno dopo far finta che alcune parole non siano uscite dalla bocca. Ecco ragazze, un altro bel consiglio in arrivo! Dovete diffidare anche di quegli uomini che al primo appuntamento o chiacchierata, che dir si voglia, alla fine della serata, pronunciano delle frasi del tipo: “Sei proprio una bella persona sia fuori che dentro!” Non è necessario che voi diciate qualcosa di smielato, se non sentito veramente, perché poi queste cose, non immediatamente, ma da lì a una settimana si capiscono. A questo punto mi chiedo sempre: “Ma perché lo fanno? La logica è quella del ” Coglio, Coglio” aspettando che prima o poi qualcuna ci caschi oppure apro le labbra, non connetto il cervello, e sparo frasi così tanto per dire?

Incontri domenicali

Era una domenica come tante, mi alzai relativamente presto. Con gli occhi ancora impastati di sonno mi preparai la mia colazione. Finalmente a stento era uscito il sole, l’aria era tiepida, ma il mio umore era altalenante. La stanchezza che avevo non era scivolata via nemmeno con una doccia. Invece di restarmene nella mia stanza a oziare, decisi di uscire. La meta era una cioccolateria nel quartiere studentesco di San Lorenzo. Tornare nel tardo pomeriggio in quel luogo, mi metteva angoscia. C’era un’atmosfera cupa, troppo silenziosa. La piazzetta a malapena si riconosceva. Incontrai un mio amico, ma appena lo vidi capii subito che non ero l’unica con l’indole precaria. Ci dirigemmo, dopo un primo scambio di battute, verso il locale: “Chiuso!” L’entusiasmo svanì presto. Nonostante ciò, eravamo in perfetta sintonia. Sapere che c’è qualcuno che comprende il tuo stato d’animo era confortante. La totale indifferenza, l’inerzia fisica, l’assenza di una qualsiasi reazione fisica era tangibile. Ma era colpa del giorno festivo e della mia non dose di theobroma cacao?

La maschera

Dove eravamo rimasti? La vita prosegue, eccome se prosegue! Ogni volta che, mi succede qualcosa di grosso, spunta sempre qualcuno che non immagineresti mai di sentire. E così che si riaccendono magicamente situazioni che ormai avevi seppellito da un bel po’, ma ti rendi conto che anche volendo assecondare il destino, chiudere un occhio, anzi due, non sa da fa! Certe cose se nascono male, si evolvono e finiscono altrettanto male. Apprezzo comunque i messaggi di persuasione, per indorare la pillola, ma avendo trent’anni la favola della principessa e del principe azzurro, con tanto di cavallo bianco e lustrini, non ci credo più. Credo però alle persone speciali, che ti entrano nel cuore piano piano, che non hanno grosse pretese se non uscire con te, ascoltarti, e starti vicino. Con loro puoi essere te stessa, non hai bisogno di fingere, di metterti una maschera, giocare sempre in difensiva. Ed è bello non sentirsi sempre sotto inchiesta…

Per quelli a cui va tutto bene

Molti di noi, sono egocentrici ed egoisti, a tal punto d’infischiarsene e partire, perdendosi così, un’emozione che non rivivranno mai. Molti di noi, sono presi dalla propria vita, che non si accorgono di quanto sia così importante la famiglia. La superficialità è prerogativa di tutti quelli che metto al primo posto loro stessi e poi gli altri. Passa il tempo, e le riflessioni sono nitide. Come si fa ad amare, a nutrire un sentimento di amicizia, quando ci sono momenti in cui la tua presenza, non è solo gradita per una questione di buon senso, ma perché è sangue del tuo sangue, e non c’è nessun altro posto dove dovresti stare, dove vorresti stare. Ma non tutti ragionano allo stesso modo, anche se hanno la decenza di accusare! Mi rivolgo a un’ ex amica in particolare: “Prima di aprire bocca e dar fiato, controlla di aver connesso il tuo cervello, ringrazia tutti i giorni che a te le cose vanno sempre bene, perché sei l’ultima delle persone che può parlare…”

Strani ritorni 2

Forse si, forse no. E poi arrivò lei. Tutto sembrava essersi congelato tra noi. Non ballammo più per mesi e mesi, anche per una forma di rispetto. Ero troppo orgogliosa per chiedergli qualcosa, ma la verità è che alla fine non m’importava così tanto. Ieri, però fu tutto così diverso. E’ vero da donna lo provocai. Mentre ballavo con il mio amico di corso, cominciai a muovermi come non mai. Onde su onde, rumba. E non appena finii lui ci cascò in pieno. Mi prese la mano e mi portò nuovamente sulla pista. Un miscuglio di emozioni. Sapevo che però sarebbe finita lì. O almeno lo credevo. Mi salutò e con preistorico baciamano mi diede la sua buonanotte. Niente che non avessi già visto, in fondo sapevo che era un romanticone. E poi? Da principe azzurro si trasformò nel solito ranocchio. Mi baciò sul collo e mi saltò letteralmente addosso. Mi ritrovai con lui sopra di me, nel bel mezzo del locale. Secondo voi, ci fa o c’è?