Letargo

L’estate sta finendo. Il caldo torrido lascia spazio a quelle piogge autunnali ed io mi sto preparando psicologicamente ad andare in letargo. Il mal tempo, ha sempre uno strano effetto su di me. Rifletto e rifletto. Ho bisogno di stare sola con me stessa, pensare, nonostante i miei mal di testa. In tutto ciò, qualcosa di buono lo cavo sempre. E poi, una volta prese le mie decisioni, filo dritto per la mia strada, non mi volto perché so che sarebbe sbagliato. Avrei tanta voglia di farlo, ma il mio orgoglio, i miei valori me lo impediscono. Quando capisci, che si è troppo distanti, che si appartiene a due mondi diversi, perché si è cresciuti, si frequenta una cerchia di amici molto diversa non sa da fa! Sono una persona molto tollerante, non mi arrabbio quando qualcuno fa ritardo, preferisco adattarmi, ma ci sono delle cose, che per quanto si possa essere flessibile, o ne fai parte o non le capirai mai. E sapete che vi dico: “E’ quello guardare dall’altra sponda del fiume!”

18 thoughts on “Letargo

  1. Quanta tristezza e quante serena determinazione nelle tue parole… di quelle determinazioni prive di grida a di scatti d’ira, ma non per questo meno granitiche. Di quelle tristezze mature e consapevoli, ma non per questo meno dolorose.
    Buona vita, amica mia…

      • Le parole bellissime, come le chiami tu, sono dita protese nel Grande Nulla di internet.
        A volte si sfiorano a vicenda, a volte si ignorano come quando ci sorreggiamo ai sostegni della metro, a volte si intrecciano per un brevissimo momento.
        Se le mie hanno per un istante accarezzato le tue, allora ne sono felice.

  2. Ricetta per l’autunno inverno: relax, cura della propria persona, tranquillità, cibo sano, un po’ di palestra, molto movimento, se capita pure shopping e… scrivi, scrivi, scrivi sul blog. Con me ha funzionato😉

    Un abbraccio e buon letargo🙂
    J.

  3. Si è vero, pazienza, tolleranza e poi… orgoglio, andare dritti per la propria strada, dov’è possibile, magari soffrire in silenzio, nascondendo in un dolce sorriso tanta disperazione… per poi… a volte un nulla interiore, una solitudine visibile solo a se stessi… L’ho fatto anche io… anche io ero così……………………………….

  4. Reblogged this on Bricciole d'info and commented:
    Invidio (nel senso buono!) chi come Tornee du chat noir riesce a prendere decisioni senza voltarsi indietro, senza rimorsi o rimpianti, senza il dubbio di aver sbagliato in qualcosa, dopo aver vagliato i pro e i contro! Mi trovo piuttosto spesso di fronte a un bivio… forse tra i bivi più difficili: i propri figli. Penso e ripenso, giorno e notte, prendo le mie decisioni… ma poi… rimane comunque quel senso, quella domanda: se avessi fatto diversamente?

  5. Il freddo mi piace proprio per questo: amo chiudermi in me stessa a pensare, e spesso compio gesti meno avventati di quelli che compirei, magari, col caldo. Sarà un esempio un po’ scemo, ma se in estate mi salta in mente di comprarmi un cosmetico, mi lancio all’inseguimento dell’oggetto del desiderio senza troppe remore. In inverno fa troppo freddo per uscire, ergo pondero di più le mie scelte..XD

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...