Targhe alterne

La scorsa settimana andai quasi sempre a ballare. Ma non era per incontrare lui. Avevo bisogno di scaricare la mia energia in qualcosa di produttivo almeno per il mio corpo. Dopo le ricche abbuffate di Pasqua e Pasquetta, un po’ di sano movimento non faceva di certo male. Ben presto mi resi conto che mi perseguitava. Non appena mi vide, mi fece una delle sue solite battute. Poco dopo arrivò lei, e lui girandosi mi disse: “Guai in vista!” Il problema è che, alla fine dei conti, la cosa non mi toccava più di tanto. Non sentivo niente, ma proprio niente. Trovavo addirittura più interessante fare due chiacchiere con altre ragazze della scuola. Sapevo ormai che non eravamo umanamente compatibili. Le cose in comune erano decisamente poche. Non ci sarebbe stato mai un futuro per noi. Non avevo dubbi. Io l’avevo capito, ma lui? Avrei dovuto, una volta per tutte, affrontare il discorso tempo fa, invece di lasciare le cose in sospeso? E il risultato era un sentimento a targhe alterne?

2 thoughts on “Targhe alterne

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...